BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
L'AQUILA, INAUGURAZIONE RETROSPETTIVA DELL'ARTISTA AMLETO CENCIONI: Redazione- Mercoledì 21 agosto alle ore 11:00, nel magnifico splendore dello storico Palazzo Cappa Cappelli recentemente restaurato, in via Vittorio Emanuele 23, si terrà l’inaugurazione della Retrospettiva dedicata alle opere del prestigioso artista aquilano Amleto Cencioni, scomparso 25 anni fa.L’iniziativa, CONFARTIGIANATO AVEZZANO PIANGE ULDERICO DI MEO, STORICO PRESIDENTE ANCOS E UOMO SIMBOLO DELL'IMPEGNO SOCIALE: Redazione- Si è spento all’età di novanta anni Ulderico Di Meo, storico presidente dell’Ancos di Confartigianato provincia dell’Aquila e uomo simbolo dell’impegno sociale. Figura di spicco dell’Anap, per cui ha ricoperto i ruoli di Presidente regionale e consigliere nazionale. I INCRESCIOSO EPISODIO DI RAZZISMO A ROCCA DI MEZZO: Redazione- Insulti razzisti alla figlia di Germana Paoletti, assessore alle Politiche sociali ed educative del Municipio X di Roma. L'episodio si è verificato a Rocca di Mezzo, in Abruzzo, secondo quanto denuncia la stessa Paoletti sul suo profilo Facebook."E' successa DON DONATO PIACENTINI: -NON BISOGNA SOCCORRERE I MIGRANTI CHE HANNO SMARTPHONE O CATENINE AL COLLO. GUARDIAMO PRIMA LA NOSTRA PATRIA-: Redazione- Nonostante i ripetuti spot pro-migranti di Papa Francesco, non tutti nella Chiesa la pensano come il pontefice.Al fronte anti-sovranista delle gerarchie ecclesiastiche non è iscritto il parroco di Sora (Frosinone), don Donato Piacentini. Convinto sostenitore di Matteo Salvini, come ALLA GROTTA DI SAN FRANCO D’ASSERGI: Redazione- Nel quadro dei festeggiamenti dell’Assunta, tre giorni dopo l’immancabile gita all’Acqua di San Franco, il 16 agosto 2019 si è svolta ad Assergi, come è tradizione da qualche anno a questa parte, un’escursione con meta la grotta di San METEO, TORNA IL CALDO AFRICANO: Redazione- ”Fine settimana tipicamente estivo sull’Italia con sole prevalente grazie all’anticiclone delle Azzorre” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara – “sabato della nuvolosità irregolare potrà a tratti offuscare i cieli soprattutto del Nord Italia, in particolare sulle - BALLATA DEI SENZA TETTO- A ROCCA DI MEZZO: Redazione- Tre spettacoli in uno per una rilettura che si avvinghia con un potente monologo alla realtà attuale. Questa sarà la “Ballata dei senza tetto” che Ascanio Celestini porterà in scena lunedì 19 agosto a partire dalle 21.30 (Piazza della DISPONIBILE SUL WEB E SU AMAZON -IL PENTALOGO DI PITAGORA-, IL LIBRO CHE ESALTA LA CULTURA CALABRO-ITALICA: Redazione- Come diventare ancora più orgogliosi di essere calabresi e italiani e, quindi, di appartenere ad una Terra tra le più antiche e importanti del mondo?... Facile, basta leggere il libro appena pubblicato gratuitamente sul web dal filosofo di Soverato IL CARDINALE FRANCIS ARINZE A PAPA FRANCESCO: -BASTA CON L'IMMIGRAZIONE, BASTA INCENTIVARE LE PARTENZE-: Redazione- Lo chiamano il Papa nero, e in questi giorni è sbottato sugli interventi a raffica di Papa Bergoglio e del suo codazzo curiale. Smaccatamente di sinistra che fanno  politica tutti i giorni invece di predicare la diffusione del Vangelo, PIZZE FRITTE, SCRUPPELLE E MUSICA IN PIAZZA A VILLETTA BARREA LA FESTA DELL'ASSOCIAZIONE PIETRAMARA: venerdì 16 agosto 2019 Redazione- Una festa in piazza, oramai tradizionale, per rafforzare il sentimento di unità e socialità, e per raccogliere fondi necessari ad auto-finanziare tanti eventi, che riscontrano crescente successo e seguito.L'appuntamento è per venerdì 16 agosto, a partire

INQUINAMENTO NELLA PIANA DEL CAVALIERE: A CHE GIOCO GIOCHIAMO?

Piana del Cavaliere Piana del Cavaliere

Redazione-Riceviamo e volentieri pubblichiamo un nuovo contributo di Tullio Lucidi sull’inquinamento nella Piana del Cavaliere:<<Naturalmente ogni iniziativa, associazione, club, il cui scopo è la difesa ecologica del territorio è iniziativa benemerita. Ma quando questo impegno sfocia in una specie di “terrorismo” naturalistico di bassa lega e di ancor più bassi fini cioè il farsi pubblicità a buon mercato o cercare qualche voto alle elezioni, il tutto condito da totale ignoranza scientifica, allora bisogna mettere qualche puntino sulle i e tranquillizzare le popolazioni. Forse perché ho vissuto più di sessanta anni a Roma e, girando per il mondo, ho visto che cos’è davvero l’inquinamento, mbè devo dire che, in sostanza, vivere in questo territorio è una fortuna dal punto di vista ambientale e della salute. Non c’è inquinamento acustico, anzi c’è pure troppo silenzio soprattutto d’inverno, non c’è inquinamento visivo che a ben guardare si vedono di notte migliaia di stelle, non c’è inquinamento da traffico con smog e polveri sottili, l’aria è purissima senza le pericolose amine aromatiche in giro, non esistono malattie epidemiologiche ovvero che possono farsi risalire a precise cause tecnologiche e ambientali, non esistono dati allarmanti di insorgenze anomale di tumori, non c’è inquinamento elettromagnetico e via respirando e allora mi domando “che cos’è questo allarmismo che rischia di far sembrare il territorio ed i paesi abruzzesi della Piana, Oricola, Carsoli, Pereto e Rocca di Botte, piccole Chernobyl?” Ma siamo diventati matti? E’ del tutto evidente che in una zona industriale, anche se purtroppo de-industrializzata, ci possono essere fenomeni legati alla produzione che possono dar luogo a volte e in presenza di condizioni metereologiche particolari a odori molesti le cui cause giustamente vanno analizzate e possibilmente eliminate e comunque eventuali inquinanti vanno ristretti dentro parametri tecnici ben precisi e controllati con assiduità. Per questo ci sono Istituti ed Istituzioni adatti allo scopo, dal ruolo dei Sindaci alla Forestale, ai Carabinieri, all’ARPA, all’Istituto Superiore di Sanità ecc. senza che un fenomeno inoffensivo rispetto alla salute pubblica, così almeno ci dicono i dati scientifici, debba scatenare allarmi ingiustificati. Ci si rende conto che questo modo di fare, magari con buone intenzioni, rischia di scoraggiare ogni iniziativa, sviluppo turistico, lavoro perché chi è lo sciocco che si va ad infilare, investire, farsi casa, dare lavoro in una piccola Chernobyl? Già nel passato, senza risalire troppo indietro che il discorso sarebbe lungo, e solo per citare un esempio, per mire politiche, si sono dette grandi e gravi stupidaggini ad opera di soggetti con pubbliche responsabilità su strutture industriali presunte inquinatrici come la cava di Oricola e la Coca-Cola del tutto estranei ad ogni processo di inquinamento. Solo qualche mese fa si è fatto del vero e proprio terrorismo sul “terribile” inquinamento che avrebbe prodotto la costruzione di una struttura di alta tecnologia nel territorio oricolano per la cremazione, perdendo tra l’altro bei posti di lavoro, quando tutti i dati scientifici ed esperienze del mondo occidentale a cominciare dalla Finlandia dove le cremazioni sono oltre il 50% ci dicono che l’impatto ambientale del crematorio è pressoché zero, quando si accende un cerino o mi faccio una braciolata in campagna inquino di sicuro di più! Ma che vogliamo? Che le poche fabbriche rimaste chiudano o proprio non aprano, che torniamo alle pecorelle o a trottare sui somari, che ci riscaldiamo con i focarelli invernali, che con la scienza e la razionalità ci puliamo il….. naso e, santa ignoranza riprendiamo a credere alle streghe e stregoni come cento anni fa? E dunque, a mio avviso, è giusta la vigilanza, il controllo, l’iniziativa, la denuncia quando serve, mettendo insieme il lavoro anche industriale con la difesa ecologica del territorio, ma tutto questo non deve essere uno sport a caccia di voti e visibilità. Il che non significa che non si possa e debba sempre migliorare, anche per rispondere, nel nostro piccolo, alla lotta al riscaldamento globale, comportandoci, ognuno di noi, in modo più responsabile rispetto all’ambiente e alla ecologia del territorio. Ad esempio, è solo un’idea, i Comuni dovrebbero, con l’aiuto della Regione, incentivare fortemente la rimozione di tutti i manufatti in eternit, tetti ed altro, che possono rappresentare nel tempo, quando si sfaldano, un pericolo per la salute pubblica. Ma detto questo dico anche con chiarezza che chi procura in continuazione un allarme del tutto immotivato nelle comunità e in un territorio non va giustificato ma combattuto scientificamente e culturalmente e, alla fin fine, se ce ne sono i presupposti, perseguito a termine di legge. Dovrebbero saperlo “giornalisti” ed avvocati e chi gli va dietro in buona fede come fa l’agnello chiamato dal lupacchiotto che ogni tanto si sveglia e sente odore di sangue fregandosene delle conseguenze, che possono essere gravi, delle proprie parole e delle

proprie azioni che tutto sono tranne che una difesa vera e seria della salute dei cittadini e dell’ecologia territoriale>>.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.