BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
I SACERDOTI DI SINISTRA SCRIVONO ALLA CEI PER FERMARE SALVINI: -IN ITALIA STA DILAGANDO RAZZISMO E XENOFOBIA-: Redazione-Cattocomunisti, preti affaristi di estrema sinistra, sedicenti cattolici scrivono i vescovi della Conferenza Episcopale Italiana per fermare le politiche del ministro Matteo Salvini: “In Italia sta dilagando la xenofobia e il razzismo contro gli immigrati”. I falsi cattolici mentono per ARCHEO MUSICA: - NEL CUORE DEL TEMPO-: Redazione-Nella straordinaria cornice del Teatro greco-romano e nell’incantevole area del Tempio ionico di Marasà, entrambi ricadenti nel Parco Archeologico della colonia magno-greca di Locri Epizefiri, situato a pochi chilometri dall’odierno centro cittadino di Locri, verranno proposti nel mese di luglio 36° PREMIO INTERNAZIONALE -FONTANE DI ROMA- GIOVEDI' 19 LUGLIO, ALLE ORE 18:00, PRESSO LA SALA ALESSANDRINA, LUNGOTEVERE IN SASSIA N°3: Redazione-Giovedì 19 Luglio 2018, ore 18, alla Sala Alessandrina dell’Accademia di Storia Arte Sanitaria (Lungotevere in Sassia, 3 - 00193 Roma /Tel. 06.6833262), avrà luogo la cerimonia per la consegna del 36° Premio Internazionale FONTANE DI ROMA, Arte - Cultura - CARSOLI, AL VIA DOMANI, CON IL CONCERTO PER FLAUTO SOLO DI FRANCESCA TIMPERI, LA VI EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE-MOMENTI MUSICALI-: Redazione-Prenderà il via, domani con il Concerto per Flauto solo di Francesca Timperi  alle ore 21:00 a Carsoli (AQ) presso la chiesa della Madonna del Carmine in piazza della Libertà n.1, la sesta edizione del Festival Internazionale "Momenti Musicali" della SUCCESSO DI SALVINI E CONTE, L'ITALIA PIEGA L'EUROPA: FRANCIA E MALTA SI PRENDONO 50 MIGRANTI A TESTA. GLI ALTRI IN: Redazione-Dopo sette anni di sottomissioni l’Italia riesce a piegare l’Europa. Francia e Malta si prenderanno 50 migranti a testa dei 450 a bordo delle nostre navi militari. Il resto dei clandestini, come ha comunicato il premier Conte, saranno ridistribuiti in CARSOLI, CONTINUA IL RECUPERO DEI RIFIUTI ABBANDONATI PER STRADA: Redazione-Continua la attività di recupero dei rifiuti abbandonati per strada. L'assessore Mario Mazzetti rivolge << un ringraziamento al personale dell' Aciam che opera nel nostro comune, al loro coordinatore Angelo S. e al nostro dipendente Walter per il livello di INTONACI 2018: Redazione-Nella sua entusiasmante evoluzione il progetto Intonaci quest’anno, tra gli altri, prevede due interventi davvero particolari.Il primo riguarda la realizzazione di una fonte battesimale nella centrale chiesa di S. Giuseppe. Infatti nonostante nel paesino di Tufo si possa contare la BAMBINI DIPINTI PER IL GAY PRIDE AL CAMPO ESTIVO: L'IRA DELLE MAMME: Redazione-TIro alla fune, tombola, una partitella a calcio. Da un campo estivo un genitore si aspetta cose del genere. Di certo non i festeggiamenti per il Gay Pride. Che è quanto hanno invece messo in scena due educatrici della scuola -CARRUFO E LE SUE ORIGNI-, CONFERENZA DEL PROF.RE FABIO REDI DOCENTE DI ARCHEOLOGIA MEDIOEVALE DELL'UNIVERSITA' DELL'AQUILA: Redazione-E’ giusto che un paese, anche se molto piccolo, voglia conoscere le sue origini, il che vuol dire trovare gli elementi utili per ricostruire la sua storia. Carrufo, frazione di Villa Santa Lucia, un borgo alle pendici del Gran Sasso FUCINO, ACQUA, TERRA E INFANZIA: VIAGGIO NELLA MEMORIA NELLO SPAZIO LETTERARIO DELLE -VACANZE LUCHESI-: Redazione-Un viaggio nella memoria attraverso i luoghi, per riscoprire che "casa" è laddove pensieri, emozioni, esperienza e consapevolezze hanno preso forma in un caleidoscopio di prime volte. É questo è il filo conduttore dell'opera "“Fucino, acqua, terra e infanzia”, dello

INTERVISTA A LINA RANALLI, AUTRICE DEL LIBRO "PEPPINO E LA PERFEZIONE DEL MELOGRANO"

  • Scritto da Dott.ssa Alessandra Della Quercia
  • Pubblicato in CULTURA
  • 0 commenti
Lina Ranalli Lina Ranalli

Incontro Lina Ranalli e l’aria, all’improvviso, s’inebria di suggestive sensazioni.

Redazione-È un onore per me divulgare la sua toccante opera “Peppino e la perfezione del melograno”, frutto di un incredibile percorso che l’autrice ha compiuto dentro se stessa per riuscire ad esprimere al massimo la sua essenza.

Dai suoi occhi vibranti e dalle sue frasi intrise di palpabile emozione si evince perfettamente l’innata delicatezza con cui ha composto il suo libro. È un fiume in piena quando me ne parla, il suo volto si vela di pura commozione: segno che ci ha messo tutta l’anima quando l’ha realizzato. Si percepisce chiaramente il legame speciale con il fratello Peppino e l’immenso affetto che ha sempre nutrito per lui e per gli altri componenti della loro famiglia.

Il suo scrivere s’è rivelato “catartico”: l’ha aiutata a cogliere il reale significato della vita e a liberarsi da pesanti tormenti che l’attanagliavano e bloccavano la naturale espressione della sua personalità. L’accettazione e la metabolizzazione della sofferenza l’hanno resa una donna migliore: fortemente motivata e capace di relazionarsi al prossimo con un’umanità ammirevole.

È stata la definitiva consacrazione della sua “rinascita” e della conquista più gratificante che potesse ottenere: l’apertura del suo cuore, come lei stessa ama dire.

La voglia di intervistarla nasce dal mio desiderio di esaltare gli esempi positivi della società: Lina ci dimostra concretamente come un travaglio esistenziale possa essere brillantemente superato e sconfitto, grazie ad una consapevolezza acquisita e un tenace lavoro su se stessi.

In un mondo sempre più effimero e omologato c’è bisogno di ascoltare gente vera, che ha qualcosa di sensato da raccontare.

Bene, si comincia!

Da dove nasce questo tuo appassionante libro?

Gli scritti che Peppino aveva lasciato in gioventù erano custoditi nella casa dei nostri genitori. Li tenevo con cura e ogni tanto gli ridavo un’occhiata fugace e mai troppo approfondita perché avvertivo un senso di angoscia, dato che trattavano un suo periodo di forte disagio. Quando, l’anno scorso, ho concluso il corso di “Costellazioni Familiari” nella straordinaria scuola “Liberi di essere” di Teramo, la direttrice Maria Teresa Di Francesco m’ha spronata a fare una tesi, ripartendo proprio dagli scritti di mio fratello. Ti confido che è stato veramente faticoso per me rileggerli tutti e trovarmi a ripercorrere con la mente certi momenti, che erano ancora incredibilmente vivi nella mia memoria. È stata un’esperienza ardua, a lungo ero combattuta sul divulgare o meno frammenti così intimi e personali, ma ha vinto la mia voglia di ridare a mio fratello ciò che lui ha dato a me, perché lui m’ha “salvata”, ha preso su di sé la sofferenza che gravava sulla nostra famiglia.

Deduco che la figura di tuo fratello sia sempre stata cruciale nella tua esistenza. Ti va di parlarmi del tuo rapporto con lui?

Di base c’è sempre stato un rapporto colmo di amore tra me e lui, lo si può notare pure sfogliando le pagine del mio libro, in cui sono presenti diversi scatti che ci ritraggono assieme da bambini. Quando, poi, da ragazzo s’è ammalato è stata dura relazionarmi a lui, perché pareva quasi una persona diversa. Ho avuto difficoltà e, al contempo, paura nell’approccio, perché nei suoi momenti di tormento poteva anche essere aggressivo. Lui, però, è una persona veramente buona, non avrebbe fatto del male ad una mosca. Purtroppo, era il suo disagio a fargli assumere comportamenti del genere. Adesso abbiamo un rapporto bellissimo, da fratello e sorella che si vogliono un bene infinito. So interpretarlo molto di più rispetto a prima: da quando son cresciuta, è migliorato anche il nostro legame.

Hai avuto modo di testare la tecnica delle “Costellazioni Familiari”. Mi spieghi cosa sono esattamente?

Sono una tecnica, a mio avviso efficacissima, che permette di agire sulla famiglia, ossia di “mettere in scena” le problematiche provenienti dalla situazione familiare. Tutto questo non perché le famiglie o i genitori siano cattivi, bensì perché il vissuto è una miscela di incontri che non sempre si combinano. Accade, purtroppo, di frequente che sussistano delle disarmonie o degli irretimenti che, se non risolti, possono portare un componente della famiglia a vivere una vita non sua. Le Costellazioni Familiari agiscono proprio per captare le informazioni necessarie per capire cosa sia realmente successo e per sciogliere pesanti blocchi interiori.

La tua casa editrice è “Artemia Nova Editrice”. Come ti sei trovata? La consiglieresti?

Benissimo, la consiglierei senza alcun dubbio! È stata un’illuminante scoperta, una realtà fatta di professionisti di qualità. Con Teresa Orsini s’è instaurata sin dai primi istanti una bella sintonia. Quando le ho proposto di trasformare la mia tesi in un libro, lei ha immediatamente accolto l’idea con entusiasmo. Mi è sempre stata vicina, è una figura preziosa per me. La ringrazio di vero cuore.

Tuo fratello amava scrivere poesie, qual è quella che t’ha maggiormente colpita e perché?

Ce ne sono tante che mi son piaciute, ma una di quelle che m’ha più colpita è la seguente:

7 luglio 1978

Un cane che abbaia …. Un cinguettio di uccelli…

Un canto di grilli, un trattore che ara …

ecco com’è la mia giovinezza.

 Che n’è della mia giovinezza,

ladri ridatemi la mia giovinezza!

Malfattori ridatemi la mia giovinezza,

sì la mia giovinezza è nel buio

vive tra le ombre selvagge e buio

come è triste sta sera ripensare agli anni passati

li voglio vivere

e far rivivere la mia giovinezza

dargli luce e splendore vivere a

questo mondo dove l’indifferenza

della gente è mortale

dove il respiro è non c’è ma

è così …

(tratto dagli scritti dei quaderni di Peppino Ranalli)

È molto significativa la frase “ladri ridatemi la mia giovinezza” perché quando l’ha composta era ben conscio del brutale fatto che stesse perdendo la sua gioventù, senza avere alcuna possibilità di recuperarla. Sono versi amari, che mi hanno fatto molto male. Lui purtroppo “sposta fuori” il suo focus, non comprendendo che il suo disagio viene da dentro.

L’immagine della copertina del tuo libro è particolare, cosa rappresenta?

È un melograno in bianco e nero, una foto d’epoca. Ho voluto far vedere le profonde radici che simboleggiano il “radicamento”, l’attaccamento di Peppino per la sua famiglia, le sue origini e la sua natura. Tuttavia, ha preferito andarsene, “volare” in una sua dimensione del tutto personale e da qui lo “sradicamento” e la pianta che si eleva, estraniandosi dalla realtà contingente.

Qual è il messaggio che vuoi trasmettere con la tua opera?

Vorrei che tutti facessero tesoro di quel bene meraviglioso che è la vita, che può avere momenti bui, ma rimane sempre vita, e non è mai sprecata. Ci vuole molta determinazione per vivere il dolore, occorre viverselo fino in fondo, ma da esso bisogna estrapolare la bellezza di ogni singolo istante che ci è stato donato.

E devo dire che è riuscita benissimo nel suo intento.

Ringrazio Lina che, con la sensibilità che contraddistingue le creature nobili, ha voluto condividere con me parte del suo struggente vissuto e la saluto caramente dedicandole questo mio pensiero:

“Lina,

una volta avevi paura che germogliasse la tua essenza interiore, che era rimasta prigioniera nell’aridità di una sofferenza radicata e mai accettata. Ora con la tua nuova consapevolezza, matura e determinata, hai innaffiato l’anima con la sorgente più pura che possa esistere: il tuo immenso cuore. E da quel seme intriso di antico tormento son sbocciati incantevoli fiori: bianchi e candidi come il tuo spirito di eterna e profonda fanciulla.”

“Peppino e la perfezione del melograno”: un libro assolutamente consigliato a chi ama leggere storie autentiche che traboccano di sentimento e che regalano folgoranti spunti di riflessione.

Intervista a cura della dott.ssa Alessandra Della Quercia

PEPPINO E LA PERFEZIONE DEL MELOGRANO

https://www.artemianovaeditrice.it/scheda-libro.php?id=192

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.