BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
L'AQUILA, INAUGURAZIONE RETROSPETTIVA DELL'ARTISTA AMLETO CENCIONI: Redazione- Mercoledì 21 agosto alle ore 11:00, nel magnifico splendore dello storico Palazzo Cappa Cappelli recentemente restaurato, in via Vittorio Emanuele 23, si terrà l’inaugurazione della Retrospettiva dedicata alle opere del prestigioso artista aquilano Amleto Cencioni, scomparso 25 anni fa.L’iniziativa, CONFARTIGIANATO AVEZZANO PIANGE ULDERICO DI MEO, STORICO PRESIDENTE ANCOS E UOMO SIMBOLO DELL'IMPEGNO SOCIALE: Redazione- Si è spento all’età di novanta anni Ulderico Di Meo, storico presidente dell’Ancos di Confartigianato provincia dell’Aquila e uomo simbolo dell’impegno sociale. Figura di spicco dell’Anap, per cui ha ricoperto i ruoli di Presidente regionale e consigliere nazionale. I INCRESCIOSO EPISODIO DI RAZZISMO A ROCCA DI MEZZO: Redazione- Insulti razzisti alla figlia di Germana Paoletti, assessore alle Politiche sociali ed educative del Municipio X di Roma. L'episodio si è verificato a Rocca di Mezzo, in Abruzzo, secondo quanto denuncia la stessa Paoletti sul suo profilo Facebook."E' successa DON DONATO PIACENTINI: -NON BISOGNA SOCCORRERE I MIGRANTI CHE HANNO SMARTPHONE O CATENINE AL COLLO. GUARDIAMO PRIMA LA NOSTRA PATRIA-: Redazione- Nonostante i ripetuti spot pro-migranti di Papa Francesco, non tutti nella Chiesa la pensano come il pontefice.Al fronte anti-sovranista delle gerarchie ecclesiastiche non è iscritto il parroco di Sora (Frosinone), don Donato Piacentini. Convinto sostenitore di Matteo Salvini, come ALLA GROTTA DI SAN FRANCO D’ASSERGI: Redazione- Nel quadro dei festeggiamenti dell’Assunta, tre giorni dopo l’immancabile gita all’Acqua di San Franco, il 16 agosto 2019 si è svolta ad Assergi, come è tradizione da qualche anno a questa parte, un’escursione con meta la grotta di San METEO, TORNA IL CALDO AFRICANO: Redazione- ”Fine settimana tipicamente estivo sull’Italia con sole prevalente grazie all’anticiclone delle Azzorre” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara – “sabato della nuvolosità irregolare potrà a tratti offuscare i cieli soprattutto del Nord Italia, in particolare sulle - BALLATA DEI SENZA TETTO- A ROCCA DI MEZZO: Redazione- Tre spettacoli in uno per una rilettura che si avvinghia con un potente monologo alla realtà attuale. Questa sarà la “Ballata dei senza tetto” che Ascanio Celestini porterà in scena lunedì 19 agosto a partire dalle 21.30 (Piazza della DISPONIBILE SUL WEB E SU AMAZON -IL PENTALOGO DI PITAGORA-, IL LIBRO CHE ESALTA LA CULTURA CALABRO-ITALICA: Redazione- Come diventare ancora più orgogliosi di essere calabresi e italiani e, quindi, di appartenere ad una Terra tra le più antiche e importanti del mondo?... Facile, basta leggere il libro appena pubblicato gratuitamente sul web dal filosofo di Soverato IL CARDINALE FRANCIS ARINZE A PAPA FRANCESCO: -BASTA CON L'IMMIGRAZIONE, BASTA INCENTIVARE LE PARTENZE-: Redazione- Lo chiamano il Papa nero, e in questi giorni è sbottato sugli interventi a raffica di Papa Bergoglio e del suo codazzo curiale. Smaccatamente di sinistra che fanno  politica tutti i giorni invece di predicare la diffusione del Vangelo, PIZZE FRITTE, SCRUPPELLE E MUSICA IN PIAZZA A VILLETTA BARREA LA FESTA DELL'ASSOCIAZIONE PIETRAMARA: venerdì 16 agosto 2019 Redazione- Una festa in piazza, oramai tradizionale, per rafforzare il sentimento di unità e socialità, e per raccogliere fondi necessari ad auto-finanziare tanti eventi, che riscontrano crescente successo e seguito.L'appuntamento è per venerdì 16 agosto, a partire

LA NOBILE ANIMA DI PEPPINO RANALLI

  • Scritto da Dott.ssa Alessandra Della Quercia
  • Pubblicato in CULTURA
  • 0 commenti
Peppino Ranalli Peppino Ranalli

Redazione-Se mi chiedessero di descrivere Peppino Ranalli, protagonista incontrastato del libro “Peppino e la perfezione del melograno” di Lina Ranalli, ricorrerei senza alcun dubbio ad una canzone evocativa e introspettiva: “Impressioni di Settembre” della PFM.

Il motivo è semplice: nel suo testo si racchiude l’intima essenza di Peppino, la sua anima tormentata e speranzosa, i suoi sogni smarriti nel vento, il suo straziante disagio interiore, l’incessante ricerca della sua identità e l’amore viscerale per la natura e la sua campagna. Anche l’incantevole musica rispecchia perfettamente l’atmosfera dell’opera di Lina, che si focalizza sulla scoperta del senso profondo dell’esistenza.

L’autrice prova a sciogliere l’annoso dilemma: qual è la via per raggiungere la felicità? La si ottiene compiacendo gli altri per farli contenti o seguendo il proprio sentire, anche a costo di andare contro le aspettative e i voleri di chi ci circonda?

La risposta è una sola: essendo se stessi. Chi non lo è non sarà mai libero, né tantomeno felice.

Peppino c’ha provato, avrebbe voluto svincolarsi dalle convenzioni e dalle decisioni altrui, ma non ce l’ha fatta e ha preferito andarsene via, “volare” in un suo altrove, dove si potesse sentire finalmente accettato e accolto.

Lina delinea, con estrema grazia e immenso affetto, i passaggi salienti dell’arduo percorso di suo fratello, il cui quotidiano era costellato di continue sofferenze e delusioni che l’hanno portato ancora di più ad estraniarsi. Quella di Lina non è una semplice opera: sono fogli intrisi di verità, di accurati studi, di toccanti ricordi, di lacrime amare e soavi carezze. Il tutto arricchito da interessanti spunti di riflessione e illuminanti consapevolezze.

Lina è riuscita ad aprire il suo cuore, e l’ha fatto nel modo più sublime: ridando valore e dignità al suo adorato fratello, che per troppo tempo non è stato capito ed è stato incompreso, umiliato, bistrattato, deriso, emarginato. Lui, proprio lui che ha sempre avuto qualcosa in più rispetto ai tanti.

Immergendomi nei suoi scritti colgo la sua grandezza: la sua rara sensibilità, il suo fine intelletto, la sua intensità di sensazioni e, a sorpresa, anche la sua abilità nel comporre versi. Già, perché Peppino Ranalli è un poeta. Il suo è un lessico di pregio: etereo e sottile in vari frangenti, condito da un sapiente uso di allegorie e metafore. Non sono, i suoi, versi banali e melensi, non son buttati lì a caso, hanno un significato preciso e invitano a meditare. A tratti leggiadri e a tratti aspri, traboccano di sincerità, ritraggono pienamente lui e quei momenti di confusione e indicibile solitudine.

Son tutti degni di nota, ma son rimasta maggiormente colpita dai seguenti, presi da parti diverse:

 “Mi sento tutto morto, a stento ritrovo me stesso….O luna piena, quanto male mi hanno fatto, fammi ritrovare la strada giusta, altrimenti la mia vita sarà un disastro.”

“Mi sfugge il sapore della vita.”

“Io credo che sei molto buona e piena di umanità, è il mondo forse a farti cattiva.” 

“…non c’è nessuna a sentirmi, avrei bisogno di parlare, c’è troppa rabbia e troppo amore in tutto quello che ho nel cuore…ma ti diverti sempre a ridere di me…”

“Vivere a questo mondo dove l’indifferenza della gente è mortale, dove il respiro è non c’è, ma è così .”

“La mia vita è esasperata dal dolore e poi ecco che torna un po’ di pace. Una pace troppo dura per me. Ma poi si fa notte e tutto scompare.”

Già da queste poche frasi si percepisce l’innata capacità di Peppino di “guardare oltre”, non facendosi influenzare da apparenze mendaci, ma esplorando a fondo le persone con cui si rapportava. Emerge, inoltre, nettamente il leitmotiv della disperazione, intervallata da istanti di pace illusoria: quasi come se nell’inquietudine la sua mente si offuscasse e si colmasse di pensieri tristi e, invece, nella pace ritrovasse la lucidità. Si trattava, però, di una lucidità dannosa per lui perché lo faceva essere ben conscio di tutto ciò che non lo appagava, di scelte diverse che avrebbe voluto compiere, ma che purtroppo non riusciva a mettere in pratica. Pertanto, quella effimera tregua dal dolore, in cui cercava di allontanare la negatività, anziché rasserenarlo lo poneva di fronte alla realtà, a come stavano sul serio le cose. Essere, inoltre, preda della più cieca indifferenza “ammazza” più di un’arma e spinge a chiudersi in un mondo proprio dove si respira, ma non si respira davvero, si respira solamente angoscia, sperando di tornare a respirare di nuovo la Vita, quella vera.

Quante ne hai passate, caro Peppino! Avresti voluto coltivare le tue passioni e dar corpo ai tuoi desideri, purtroppo t’è mancato quell’ardire di farlo; ma tu, al contrario di quei tanti che t’hanno sempre etichettato e giudicato con spaventosa superficialità, sei nato per imprimere un segno indelebile nell’anima di chi ha avuto l’intelligenza di comprendere la straordinarietà del tuo essere.

È risaputo, l’ignoranza è la peggiore malattia. Quelli che feriscono anime nobili come la tua cadono facilmente nel dimenticatoio perché non hanno niente da dire e da dare, sono creature aride che non lasceranno mai tracce di sé. Tu, invece, non sei passato invano. Tu ci hai donato perle di suggestiva bellezza. Grazie Peppino. Grazie di cuore.

Dott.ssa Alessandra Della Quercia

La prossima presentazione del libro “Peppino e la perfezione del melograno” di Lina Ranalli edito da Artemia Nova Editrice si terrà venerdì 17 agosto 2018 nella splendida cornice di Villa Filiani di Pineto, alle ore 17.00.

Appuntamento imperdibile per le anime “Oltre”.

C:\Users\Alex\Desktop\COMUNICATI PER LINA RANALLI\Locandina libro Lina Ranalli Pineto.jpg

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.