BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
DA VELTRONI A ZINGARETTI, ECCOVI LE PRIORITA' DEL -NUOVO- PD: APPROVARE LO IUS SOLI NONOSTANTE LA CONTRARIETA' DEGLI ITALIANI: Redazione-Non cambiare per non morire. Dicendo sì alla cittadinanza a chi nasce in Italia. Walter Veltroni e il neosegretario Pd, Nicola Zingaretti, insistono sulla necessità di battersi per i valori fondamentali della sinistra, compreso quello ius soli che era sparito temporaneamente dal dibattito politico IL REAL CARSOLI TORNA A VINCERE IN CASA CONTRO IL TRAGLIACOZZO CON UN SECCO 4-0: Redazione-Importantissima vittoria in casa del Real Carsoli sul Tagliacozzo che gli consente di rimanere in solitaria alla nona posizione del campionato di prima categoria (girone A) con 37 punti. In campo una Squadra molto ben preparata e tonica che non LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DELL'OVICOLTURA AL CENTRO DI UN INTERESSANTE DIBATTITO AD ARSOLI: Redazione-Il Comitato Civico “Arsoli Futura” ha tenuto sabato 23 ad Arsoli un secondo incontro pubblico dedicato al tema: “Olivicoltura: come tutelare e recuperare il patrimonio olivicolo di Arsoli e del territorio circostante”. L’incontro ha visto la partecipazione del dott. Claudio Di - IO NON MI RIFIUTO-, A LEZIONE PER L'AMBIENTE CON ACIAM NELLA PIANA DEL CAVALIERE: Redazione-Un'accoglienza alla primavera davvero “green” quella siglata da Aciam con i ragazzi degli istituti scolastici di Pereto - Oricola, Carsoli e Rocca di Botte, impegnati nel progetto "Io non mi rifiuto", proposto dall'Azienda di igiene ambientale, in cooperazione con le CARSOLI, GLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO INCONTRERANNO LA SCRITTRICE FANTASY LICIA TROISI: Redazione-La scrittrice Licia Troisi, autrice di “best sellers” del genere “fantasy”, incontrerà gli alunni della scuola secondaria di 1° grado di Carsoli sabato 30 marzo, a partire dalle ore 09:30 fino alle 13:00 nella sala polivalente dell’istituto scolastico. La Sig.ra MUSEO DI VIBO VALENTIA: UN PERCORSO BRAILLE IN LINGUA INGLESE: Redazione-Il Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi” di Vibo Valentia, diretto dalla dottoressa Adele Bonofiglio, ricadente nel Polo museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Antonella Cucciniello, già dotato di percorso stabile per i non vedenti dal 2002 a seguito di donazione ROMA, GRAN PREMIO DELLA LIBERAZIONE: QUEST'ANNO NON SI CORRE: Redazione-La storia si ripete – come due anni fa - e non è una bella storia.Se non accadrà qualcosa di veramente straordinario, il prossimo 25 aprile Gran Premio della Liberazione 2019, corsa internazionale per Under 23, non avrà luogo: sarà NAPOLI: LA PRIMAVERA DEI BORBONE: Il terzo appuntamento di “Esperienze Borboniche” sarà dedicato alla stagione della rinascita Redazione-La cucina e la natura sono strettamente legate: l’interesse per la cucina non deve mai superare il rispetto per il cibo, e dunque per i frutti che la natura IL PRESIDENTE DELLA CEI GUALTIERO BASSETTI SCLERA: -BENVENUTI GLI IMMIGRATI, RESPINGIAMO SOVRANISTI E POPULISTI-: Redazione-Il vescovo fa le pentole ma non i coperchi. Nel giorno in cui il presidente della Conferenza Episcopale, Gualtiero Bassetti, se ne esce con un’ intervista sulla Stampa per dire che accogliere i migranti significa accogliere Gesù Cristo, un senegalese SAN SPERATE, CAMPIONATO REGIONALE SARDO DI TAEKWONDO: GRANDE AFFERMAZIONE DEGLI ATLETI DI CAPOTERRA: Redazione-Si è svolto Domenica 17 marzo a San Sperate il campionato regionale di Taekwondo WT Coni organizzato dalla FITA Sardegna. 315 iscritti 25 società provenienti da tutta la Sardegna.In grande evidenza gli atleti del Centro Taekwondo Capoterra coordinati dai coach

PRIMA EDIZIONE DELLA MANIFESTAZIONE -LE DIMORE ROMANE DEI SANTI-

Locandina Evento Locandina Evento

Una settimana di visite guidate e appuntamenti

culturali alla scoperta delle case dove vissero i Santi nei loro soggiorni romani, spesso aperti straordinariamente

per la nostra visita.

 

Conosceremo insieme le camere, le celle, gli appartamenti e le cappelle ove vissero alcuni tra i più importanti santi della cristianità: da San Benedetto a San Francesco nel popolare rione di Trastevere alla curiosa camera di santa Caterina da Siena spostata e rimontata altrove, dalle eleganti camere di San Filippo alla Vallicella al prodigioso affresco di fratel Pozzo nelle camere di SantIgnazio.

Arte e architettura, fede e devozione si incontrano in alcuni dei luoghi più insoliti, segreti e inaspettati di

Roma.

Ancora una grande rassegna culturale di Turismo

Culturale Italiano!


Calendario

LUNEDI 28 /1/2019

Ore 15.45 Le Camere di San Giuseppe Calasanzio nel Palazzo Torres a piazza Navona e la Chiesa di San

Pantaleo (apertura straordinaria)

App.to in piazza dei Massimi, 4. Quota visita guidata, sistemi audio e contributo Euro 13.00.

 MAR TEDI2 9/ 1/ 20 19

Ore 10.20 La Camera di Santa Caterina a Santa Maria Sopra Minerva e la Cappella della Santa al Palazzo

Santa Chiara (apertura straordinaria)

App.to in piazza della Minerva, allelefantino. Quota visita guidata, sistemi audio e contributo Euro 13.00.

 MER C OLEDI30/ 1/ 20 19

Ore 10.20 Le Stanze di Stanislao Kostka a SantAndrea al Quirinale (apertura straordinaria)

App.to in via del Quirinale, 30. Quota visita guidata, sistemi audio e contributo Euro 14.00.

 G I OVEDI 31 /1 /20 19

Ore 10.45 Le Camere di san Filippo Neri alla Vallicella (apertura straordinaria)

App.to in piazza della Chiesa Nuova alla chiesa. Quota visita guidata, sistemi audio e contributo Euro 15.00.

 G I OVEDI 31 /1 /20 19

Ore 16.00 Itinerario sulle dimore dei santi tra cappelle, palazzi e luoghi dei miracoli, da Palazzo Massimo alle Colonne a Palazzo Torres, da Palazzo Santa Chiara alla Casa di Santa Caterina a Monserrato

App.to piazza dei Caprettari, alla chiesa di Sant’Eustachio. Quota visita guidata e sistemi audio Euro 10.00.

 VEN ERDI 1/ 2/2 01 9

Ore 9.40 Le Camere di S. Filippo Neri a San Girolamo della Cari e la Cappella Spada (apertura straordinaria)

App.to in p.zza Santa Caterina della Rota. Quota visita guidata, sistemi audio e contributo Euro 13.00.

 VEN ERDI 1/ 2/2 01 9

Ore 16.40 Le Camere Santa Brigida a Piazza Farnese (apertura straordinaria)

App.to in Piazza Farnese, 96. Quota visita guidata, sistemi audio e contributo d’ingresso Euro 13.00.

SABATO 2/2/2019

Ore 9.40 Le camere di San Luigi Gonzaga e San Giovanni Berchemans sui tetti del Collegio Romano e la

Cappella Prima primaria sui palchi della chiesa di Sant’Ignazio (apertura straordinaria)

App.to in piazza di Sant’Ignazio, alla chiesa. Quota visita guidata, sistemi audio e contributo Euro 16.00.

SABATO 2/2/2019

Ore 16.15 Le Stanze di SantIgnazio al Ge e gli affreschi prospettici ed illusionistici di fratel Pozzo

App.to in piazza del Gesù alla chiesa. Quota visita guidata, sistemi audio e contributo Euro 11.00.

DOMENICA 3/2/2019

Ore 9.45 La Cella di San Benedetto nella Chiesa san Benedetto in Piscinula e gli antichi affreschi medievali di San Benedetto nei sotterranei di San Crisogono a Trastevere.

App.to piazza in Piscinula, chiesa San Benedetto. Quota visita guidata, sistemi audio e contributo Euro 14.00.

DOMENICA 3/2/2019

Ore 16.00 Le Camere di San Francesco a Ripa a Trastevere

App.to in piazza San Francesco a Ripa. Quota visita guidata, sistemi audio e contributo Euro 12.00.

DOMENICA 3/2/2019

Ore 16.45 Il Titolo di Santa Cecilia in Trastevere

App.to piazza Santa Cecilia in Trastevere. Quota visita guidata, sistemi audio e contributo Euro 13.50.


Descrizione

Camere di San Giuseppe Calasanzio nel Palazzo Torres a piazza Navona e la Chiesa di San Pantaleo

Questo antico palazzo, sorto sui resti dell'Odeon di Domiziano, risale agli inizi del XVI secolo e venne ceduto nel

1612 dal nobile Ludovico Torres a San Giuseppe Calasanzio grazie all'aiuto del cardinal Benedetto Giustiniani. Il palazzo è collegato per mezzo di alcuni passaggi all'attigua chiesa di San Pantaleo che conserva pregevolissime opere d'arte, la cui visita è inclusa nel nostro itinerario. Nel palazzo ammireremo il grazioso cortile, la sala grande che ospita una collezione di dipinti, l'Oratorio dell'Apparizione con i dipinti di Antonino Calcagnadoro, la splendida Cappella delle Reliquie e le stanze ove visse il santo che conservano fregi dipinti

della metà del Cinquecento e gli ambienti originali del santo spagnolo.

La Camera di Santa Caterina a Santa Maria Sopra Minerva e la Cappella della Santa al Palazzo Santa Chiara All'interno della sagrestia di Santa Maria sopra Minerva, una delle chiese più importanti della nostra città e capace con le sue opere artistiche di raccontare i secoli di storia che le appartengono, si conservano le murature originali della stanza dove abitò Santa Caterina da Siena fino alla sua morte nell'aprile del 1380. Le murature provengono dal palazzo Santa Chiara, in uso alle terziarie domenicane fino al loro spostamento al convento a Magnanapoli. Qui visiteremo una delle antiche camere della santa, oggi trasformata in Cappella, che custodisce le reliquie di tre santi: St. Ioannis, St. Heraclii e St. Exuperantie. L'ambiente è molto raccolto ed elegante con tele, marmi e stucchi.

Le Stanze di Stanislao Kostka a Sant'Andrea al Quirinale

Visita alle stanze poste nel convento di Sant'Andrea al Quirinale abitate dal giovane novizio tra il 1567 e il 1568, anno della sua prematura morte. Nonostante le trasformazioni della fine dell'Ottocento quando il complesso venne modificato ed adibito al Ministero della Casa Reale Savoia, si conservano testimonianze storiche ed artistiche di assoluto rilievo ed interesse. Tra questi una sequenza di dipinti di fratel Andrea Pozzo, alcuni oggetti ed indumenti del santo, la superba scultura di Pierre Legros raffigurante la morte di Stanislao e datata al 1703,

con marmi bianchi, neri e gialli. All'interno della Chiesa berniniana di Sant'Andrea al Quirinale si ammira infine la cappella dedicata al santo e che conserva un dipinto eseguito da Carlo Maratta.

Le Camere nobili di San Filippo Neri alla Vallicella

Salita una rampa di scale a chiocciola si giunge alle camere di San Filippo in Santa Maria in Vallicella. La prima camera, detta "rossa", dal parato che riveste le mura, ospita le reliquie, un busto-reliquario, i cimeli, il

seggiolone lasciato ai Filippini dal portoghese Achille Estaço, diversi dipinti e pitture. Sempre qui sono conservate due casse di legno: la prima accolse le spoglie di Filippo nel 1599 mentre la seconda, rivestita di broccato, è del 1602. Si passa alla cappella dove è venerato il tratto delle murature delle vecchie stanze di Filippo. Sopra l'altare è conservato il dipinto di Guido Reni mentre un altro dipinto è attribuito al Bassano. Sono inoltre esposti quattro armadi all'interno dei quali vi sono il confessionale e il letto del santo. Al piano superiore si

perviene ad un'altra cappellina, quella "privata" del Santo e ad un'altra sala usata come Oratorio.

Itinerario tra le dimore dei Santi a Roma

Un affascinante itinerario nei luoghi delle dimore abitate - per brevi o lunghi periodi - dai santi nella Roma del passato e che si articola tra antiche cappelle, eleganti palazzi, case ricostruite in stile (come la casa di Santa

Caterina a Siena) seguendo l'originale e luoghi dei miracoli eseguiti da alcuni di loro. Scopriremo co le

residenze di San Filippo Neri, Santa Caterina da Siena, Santa Brigida e San Giuseppe Calasanzio passando, da Palazzo Massimo alle Colonne a Palazzo Torres, da Palazzo Santa Chiara alla Casa di Santa Caterina a Monserrato. Un percorso di certo interesse.

Le Camere di San Filippo Neri a San Girolamo della Carità, la Cappella Antamoro e la Cappella Spada

Visita con apertura speciale a quelle che furono le prime camere abitate a Roma da San Filippo Neri. Le stanze storiche dove Filippo visse per quasi trenta anni, sono poste al primo piano del caseggiato di San

Girolamo. Poco a poco il Neri trasforma una stretta cella adattandola a cappella e vi riceve nobili, popolani,

artisti, cortigiani, preti, venendo a creare un vero "cenacolo delle anime", che in poco tempo vedrà il nascere dell'Oratorio. Oggi, con la costruzione della chiesa di San Girolamo, vi si accede per mezzo di una scala alle spalle dell'abside. Visiteremo anche la cappella creata dallo Juvarra per la famiglia Antamoro, dedicata a San Filippo Neri cui è dedicata la statua di Pierre Le Gros, la superba sagrestia, il vestibolo e la ricca Cappella

Spada, progetta da Virgilio Spada con la collaborazione di Francesco Borromini, tutta in diaspro siciliano e onice.


Le Camere di Santa Brigida degli Svedesi a piazza Farnese

In piazza Farnese si trova la chiesa ed il complesso di Santa Brigida, uno splendido palazzo del 1400, che ospita al primo piano ancora le tre stanze dove visse e morì Santa Brigida e sua figlia Catarina Ulfsdotter, canonizzata da papa Innocenzo VIII nel 1484 e nota come Caterina di Svezia. Il tutto risale ad una delle visite romane della nobile svedese, Brigitta Persson, fondatrice dell'ordine del Santissimo Salvatore, giunta a Roma nel 1349, la quale fondò un ospedale per i suoi connazionali in pellegrinaggio a Roma. Ai primi del Settecento venne edificata la chiesa che ancora oggi ammiriamo e che conserva interessanti opere artistiche mentre le camere conservano dipinti, opere artistiche, soffitti decorati e un'elegante cappella istoriata.

Le camere di San Luigi Gonzaga sui tetti del Collegio Romano e la Cappella Prima primaria sui palchi di

Sant'Ignazio

Il complesso monumentale del Collegio Romano ospita vere sorprese. Infatti dopo un percorso tra chiocciole e camminamenti, tra cupole e tetti posti nell'ultimo piano del palazzo, in quelli che erano i sottotetti trasformati in appartamenti, si aprono, i saloni, le stanze e la cappella che ospitarono San Luigi Gonzaga e San Luigi

Berchemans. Tutte le sale sono impreziosite con affreschi, arredi, reliquiari. Dall'ampio salone affrescato che conduce alla Cappella si gode un bel panorama su Roma. La visita prosegui poi tra camminamenti segreti

per giungere in un luogo davvero insolito e suggestivo, la Cappella prima Primaria, affrescata dal Borgognone

nel 1658, posta nell'alto della chiesa da dove, da uno dei palchetti, affacciandoci, ammireremo la navata, gli affreschi e la finta cupola di fratel Pozzo.

Le Stanze di Sant'Ignazio al Gesù e gli affreschi prospettici ed illusionistici di fratel Pozzo

Una visita per conoscere uno tra i più importanti luoghi della fede a Roma il complesso del Gesù, formato dalla splendida chiesa e dalla Casa Professa che custodisce i quattro ambienti originali vissuti dal Santo spagnolo, ancora oggi in parte arredati con alcuni oggetti originali tra cui tre bei dipinti, la maschera del santo e i suoi abiti. La visita forni l'occasione per comprendere l'evoluzione della prospettiva a Roma alla fine del Seicento,

testimonianze dell'illusionismo pittorico del cosiddetto trompe l'oeil, presente nel corridoio-galleria d'accesso alle camere di sant'Ignazio, dipinti da fratel Andrea Pozzo alla fine di quel secolo. Una straordinaria sequenza di elementi illusori, tra parti architettoniche e figure dipinte, che stupi per invenzione, realizzazione e fantasia.

La Cella di San Benedetto nella Chiesa San Benedetto in Piscinula e gli affreschi di San Benedetto sotterranei di

San Crisogono a Trastevere

L'antica ed affascinante chiesa di San Benedetto in Piscinula nasce sui resti del palazzo della Gens Anicia, dove un giovane San Benedetto soggiornò prima di andare a Subiaco, per fondare l'Ordine Benedettino. La chiesa, splendido esempio d'arte ed architettura romanica, conserva un impianto basilicale asimmetrico, colonne e capitelli di spoglio, un magnifico pavimento cosmatesco e, in un ambiente alla sinistra del endonartece, il suggestivo ambiente abitato dal Santo. Proseguiremo poco distante per la visita agli affreschi raffiguranti scene della vita del Santo, posti nelle murature della primitiva basilica del (V secolo), nei sotterranei di san Crisogono. Essi costituiscono, a Roma, una tra le più antiche testimonianze figurative del santo.

La Camera di San Francesco e il reliquiario meccanico

La chiesa di San Francesco a Ripa in Trastevere fu ridedicata a Francesco d'Assisi dopo che il Santo vi dimorò nel 1229 in occasione del suo soggiorno romano. Ristrutturata da Onorio Longhi conserva il sepolcro della Beata Ludovica Albertoni del Bernini, stupefacente esempio barocco di trasporto mistico e di effetti luminosi.

Un meccanismo ingegnoso fa da reliquiario mobile, costruito da fra Tommaso da Spoleto nel 1708 e fa aprire la porta centrale e quelle laterali della pala d'altare, dove vengono mostrati cofanetti di argento contenenti le

reliquie dei più grandi santi francescani e dei reliquiari donati dal granduca di Toscana Leopoldo de' Medici,

simbolo di fede del regnante.

Il Titolo di Santa Cecilia a Trastevere

Nei sotterranei della basilica di Santa Cecilia in Trastevere, ubicati a circa a 5 metri di profondità, importanti scavi archeologici iniziati oltre un secolo fa, hanno portato alla luce numerosi resti di diverse strutture, le più antiche delle quali riportano indietro all'età repubblicana con muri in opera quadrata, resti di una domus romana, inglobata in poi in un'insula. Si notano anche i resti di un magazzino con olle vinarie, i resti di un cortile e del larario. La casa fu trasformata nel titulus Ceaciliae già nel V secolo finché San Gregorio Magno fece costruire la basilica del VI secolo. Unitamente alla cappella del martirio, allo splendido affresco della volta, al mosaico absidale, al ciborio di Arnolfo di Cambio ed alla statua del Maderno, è uno tra i complessi storico- artistici più importanti della città.


 

PRENOTAZIONI

Per partecipare alle visite guidate a Roma non è necessaria alcuna iscrizione!

La prenotazione è sempre obbligatoria al numero tel. 06.4542.1063 o via e-mail a info@turismoculturale.org

Informazioni dal Lunedì al Venerdì dalle ore 10:00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18:00

Tel. 06.45421063 www.turismoculturale.org

Ultima modifica ilDomenica, 27 Gennaio 2019 22:52

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.