BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
L'AQUILA, ANNALAURA TATANANNI NOMINATA REFERENTE DI FRATELLI D'ITALIA-AN DEL DIPARTIMENTO TUTELA DELLE VITTIME: Redazione-Annalaura Tatananni, 24 anni, giovanissima esponente locale di Fratelli d'Italia AN, è la nuova referente per la Provincia dell'Aquila del Dipartimento Tutela delle Vittime del partito di Giorgia Meloni. Lo afferma in una nota Michele Malafoglia, coordinatore comunale di Fratelli d'Italia INCENDIO TRA TAGLIACOZZO E SANTE MARIE SULLA VARIANTE DELLA TIBURTINA VALERIA: TRAFFICO DEVIATO E PAURA TRA GLI AUTOMOBILISTI: Redazione-Un improvviso incendio si è sviluppato, oggi pomeriggio per cause ancora da accertare, tra i comuni di Tagliacozzo e Sante Marie nel tratto della variante della Tiburtina Valeria.Fiamme e fumo hanno lambito la carreggiata tanto da costringere a deviare il MONASTERACE, L'ARTE CHE CI ISPIRA: Redazione-Venerdì 18 Agosto 2017, alle ore 21.00, a Monasterace (Reggio Calabria), nella suggestiva location del Museo e Parco Archeologico dell'antica Kaulon, sarà presentata la nuova linea di pelletteria ispirata ai Beni Culturali realizzata dal Brand "dA Collezioni".Artigianalità italiana, pellami pregiati L'ASSOCIAZIONE CULTURALE LUMEN DI PIETRASECCA PRESENTE OGGI AL FESTIVAL DI MEZZA ESTATE DI TAGLIACOZZO: Redazione-Oggi l'Associazione Lumen di Pietrasecca, che si distingue per ricerche storiografiche sul territorio ormai da 11 anni, sarà presente al Festival Internzionale di Mezza Estate a Tagliacozzo.Alle ore 18,00 nelle scuderie del Palazzo Ducale Incontro con l'autore Angelo Bernardini che L'EURO E' UN CASTELLO DI CARTA DESTINATO A CROLLARE: LO AFFERMA OTMAR ISSING: Redazione-Ambrose Evans-Pritchard commenta sul Telegraph le recenti, gravi affermazioni di uno dei padri fondatori dell’euro ed ex capo-economista della BCE, il tedesco Otmar Issing.  In una recente intervista, Issing denuncia l’insostenibilità dell’eurozona e afferma che fin dall’inizio sono stati commessi PESCARA, 27ENNE PADOVANO MOLESTA BIMBI: MALMENATO DAI GENITORI: Redazione-Ha molestato e palpato dei bambini nella piscina di uno stabilimento balneare e, una volta scoperto, è stato malmenato dai presenti e da alcuni genitori. Protagonista dell'episodio, avvenuto a Pescara, è un turista 27enne di Padova, poi denunciato dalla Polizia IL CONCERTO DI ANGELO BRANDUARDI CONQUISTA L'ANFITEATRO DI ALBA FUCENS, FESTIV'ALBA RICEVE CONSENSI E APPLAUSI: Redazione-Angelo Branduardi, il “Menestrello italiano”, conquista Festiv’Alba grazie a un concerto memorabile che resterà a lungo negli occhi e nelle orecchie di chi vi ha potuto assistere. Che potesse trattarsi di un evento storico, però, lo si era capito fin LO SHOPPING SI ILLUMINA, NOTTE BIANCA A CARSOLI: Redazione-La Confcommercio Imprese per l’Italia provincia di l’Aquila delegazione Ascom di Carsoli ha promosso la “Notte Bianca” per il 20 agosto prossimo con il patrocinio del Comune di Carsoli, nella quale si esibiranno diverse band musicali e ci saranno diversi CHIUSURA STRADA A PIETRASECCA: STRAVAG(C)ANZE AMMINISTRATIVE: Redazione-Dal Consigliere Comunale Domenico D’Antonio riceviamo ed integralmente pubblichiamo:<< Persone inviperite a Pietrasecca a seguito dell’ordinanza del Sindaco Velia Nazzarro che ha disposto la chiusura di Via Cotarda per la probabile caduta di massi da un muraglione di contenimento del pendio PERETO, LODEVOLE INIZIATIVA DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE PER SCORAGGIARE LA SOSTA SELVAGGIA NEI PARCHEGGI PER I DISABILI: Redazione-Da qualche tempo a questa parte, si vedono a Pereto, nei parcheggi riservati ai disabili, cartelli verticali con la scritta:"se vuoi il mio posto prendi il mio handicap" e tutto ciò per scoraggiare la sosta selvaggia degli automobilisti,che pur non

CORTE DI CASSAZIONE: " GLI IMMIGRATI HANNO L'OBBLIGO DI RISPETTARE I VALORI DELLA NOSTRA SOCIETA'"

In evidenza Migranti Migranti

Redazione-Gli immigrati che hanno scelto di vivere nel mondo occidentale hanno “l’obbligo” di conformarsi ai valori della società nella quale hanno deciso “di stabilirsi” ben sapendo che “sono diversi” dai loro e “non è tollerabile che l’attaccamento ai propri valori, seppure leciti secondo le leggi vigenti nel paese di provenienza, porti alla violazione cosciente di quelli della società ospitante”. Lo sottolinea la Cassazione condannando un indiano sikh che voleva circolare con un coltello ‘sacro’ secondo i precetti della sua religione.

In una società multietnica, – prosegue il verdetto della Suprema Corte – la convivenza tra soggetti di etnia diversa richiede necessariamente l’identificazione di un nucleo comune in cui immigrati e società di accoglienza si debbono riconoscere. Se l’integrazione non impone l’abbandono della cultura di origine, in consonanza con la previsione dell’art. 2 della Costituzione che valorizza il pluralismo sociale, il limite invalicabile è costituito dal rispetto dei diritti umani e della civiltà giuridica della società ospitante”. Con questa sentenza, i supremi giudici hanno respinto il ricorso di un indiano sikh condannato a duemila euro di ammenda dal Tribunale di Mantova, nel 2015, perchè il sei marzo del 2013 era stato sorpreso a Goito (Mn), dove c’è una grande comunità sikh, mentre usciva di casa armato di un coltello lungo quasi venti centimetri. L’indiano aveva sostenuto che il coltello (kirpan), come il turbante “era un simbolo della religione e il porto costituiva adempimento del dovere religioso”. Per questo aveva chiesto alla Cassazione di non essere multato, e la sua richiesta era stata condivisa dalla Procura della Suprema Corte che, evidentemente ritenendo tale comportamento giustificato dalla diversità culturale, aveva chiesto l’annullamento senza rinvio della sentenza di condanna.

Ad avviso della Prima sezione penale della Suprema Corte, invece, “è essenziale l’obbligo per l’immigrato di conformare i propri valori a quelli del mondo occidentale, in cui ha liberamente scelto di inserirsi, e di verificare preventivamente la compatibilità dei propri comportamenti con i principi che la regolano e quindi della liceità di essi in relazione all’ordinamento giuridico che la disciplina”.

Il verdetto aggiunge che “la decisione di stabilirsi in una società in cui è noto, e si ha la consapevolezza, che i valori di riferimento sono diversi da quella di provenienza, ne impone il rispetto e non è tollerabile che l’attaccamento ai propri valori, seppure leciti secondo le leggi vigenti nel paese di provenienza, porti alla violazione cosciente di quelli della società ospitante”.(Fonte:ilpopulista.it)

Integrazione

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.