BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
APPELLO DI C.RACKETE ALL'UE AFFINCHE' ACCOLGA I 500MILA PROFUGHI TENUTI IN LIBIA. SALVINI: -SIAMO ALLE COMICHE-: Redazione- In un'intervista alla Bild, la comandante della Sea Watch 3 fa un appello all'Unione europea perché accolga "il mezzo milione di persone tenute in Libia", compresi i rifugiati climatici". Matteo Salvini: "Siamo alle comiche".Carola Rackete, la capitana della Sea IL KAZAKISTAN IN ITALIA: IL FORTE TRIO ARRIVA A CONFIGNI: Redazione – mercoledì 17 luglio 2019, alle ore 21.00 presso la Chiesa di Santa Maria Assunta di Configni (RI), il territorio della Sabina ospiterà il Forte Trio, ensemble cameristico proveniente dal Kazakistan. Il Festival della Piana del Cavaliere, dopo il GRANDE SUCCESSO PER -UAPP-, IL NUOVO SINGOLO E VIDEO DEI RED FAMILY: Redazione- Tanti giornalisti alla conferenza stampa di presentazione del nuovo singolo/video “UAPP” del duo rap “Red Family“ che si è svolta l’11 luglio a Roma. Grande successo per i due ragazzi napoletani che con la loro musica divertente ma dal TANTI I PREMIATI AL SETTIMO CONCORSO LETTERARIO -PIETRO IADELUCA & AMICI-: Redazione- Sabato 13 luglio 2019 presso l’incantevole cornice della “Locanda del Poeta” a Collalto Sabino (RI) ha avuto luogo la premiazione del 7° Concorso Letterario “Pietro Iadeluca e Amici”. L’evento organizzato dall'associazione culturale "il cuscino di stelle", durante la cerimonia LA FORTEZZA DI -LE CASTELLA- DI ISOLA CAPO RIZZUTO APRE I BATTENTI IL 15 LUGLIO 2019: Redazione- Lunedì 15 luglio 2019, al via le operazioni preliminari per la riapertura al pubblico della fortezza “Le Castella”, uno dei luoghi più suggestivi e più visitati della Calabria, complesso monumentale di Isola Capo Rizzuto in provincia di Crotone e R....ESTATE AL MUSEO 2019, TIMELESS: ATTUALITA' DELL'ANTICO: Redazione- Da martedì 16 luglio 2019 il Museo Archeologico Nazionale di Crotone (Crotone) e il Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone) ospiteranno degli incontri che coinvolgeranno il pubblico su varie dimensioni dell’antico. Gli incontri ci aiuteranno a riflettere, ROMA, PARCO SCHUSTER: SUL PALCO IL TEATRO PATOLOGICO: Redazione- Dopo concerti, attività per bambini e benessere, Parco Schuster continua a vivacizzare l’estate romana con uno spettacolo unico, quello di “Tutti non ci sono” scritto, diretto e interpretato da Dario D’ambrosi. L’Associazione Teatro Patologico è una realtà importante a L'EUROPARLAMENTO INVITA CAROLA RACKETE A STRASBURGO, L'IRA DI MATTEO SALVINI: Redazione- Il Parlamento europeo invita a Strasburgo Carola Rackete, la capitana della nave Sea Watch 3 che ha violato le leggi italiane. A riferire le volontà della Commissione Libertà civili e giustizia del Parlamento europeo, è l'europarlamentare di Forza Italia Fulvio Martusciello POSITANO, IL NUOVO TREND CULINARIO CREATO DALLO CHEF SPAGNUOLO AL TIMONE DELLE CUCINE DEL RISTORANTE RADA: Redazione- In una località ad alto tasso di bellezza, ovvero Positano, esiste un posto ove l'armonia, la grazia e l'intimità sono di casa: si tratta del Rada, incantevole locale ubicato sulla Spiaggia Grande.  Una location suggestiva ove si può trascorrere una piacevole ROMA, INDIA ESTATE 2019: DIAFRAMMA IN CONCERTO: Redazione- Mentre l’estate si avvicina al giro di boa, India Estate, negli spazi post industriali del Teatro India, magistralmente allestiti da Orizzontale in occasione della stagione live nelle aree esterne, continua a proporsi luogo di ritrovo fresco e serale con

IL PRESIDENTE DELLA CEI GUALTIERO BASSETTI SCLERA: -BENVENUTI GLI IMMIGRATI, RESPINGIAMO SOVRANISTI E POPULISTI-

Gualtiero Bassetti Gualtiero Bassetti

Redazione-Il vescovo fa le pentole ma non i coperchi. Nel giorno in cui il presidente della Conferenza Episcopale, Gualtiero Bassetti, se ne esce con un’ intervista sulla Stampa per dire che accogliere i migranti significa accogliere Gesù Cristo, un senegalese al quale abbiamo concesso il passaporto italiano e al quale abbiamo affidato i nostri figli appicca il fuoco allo scuolabus che guida con l’ intento di fare una strage di giovani cristiani.

L’ Erode di importazione ha dichiarato che voleva incenerire la nostra stirpe per fermare le morti nel Mediterraneo, e chissà se Bassetti commenterà «porgiamo l’ altra guancia». La Procura non l’ ha interrogato subito, usandogli la gentilezza di aspettare che lo curassero dalle ustioni che si era procurato nel tentativo di sterminarci. Quando è stato meglio, davanti ai pm ha tentato di passare per un martire. È un furbacchione che si è integrato nel brodo di coltura sinistrorso. Per un miracolo non è diventato il peggior attentatore della storia italiana e ora, per ottenere il perdono, o quantomeno uno sconticino, soffia sul vento dell’ anti-sovranismo e issa la bandiera dell’ anti-razzismo. Fiducioso che qualcuno prima o poi dirà che in fondo il rogo di bambini sarebbe stato colpa del governo.

E qui veniamo allo sclero del prelato, che benedice i migranti e respinge i sovranisti. Ai primi applica il principio cattolico dell’ accoglienza, ai secondi nega quello della comprensione. Sarà perché deve rivolgersi a dei semplici lettori, ma l’ omelia di Bassetti vola basso. Concetti degni di un pulpito parrocchiale, non di un sinedrio. Sciorina una dottrina da predica domenicale, sfuggendo la complessità della materia, affronta il problema per postulati, non lo cala nelle difficoltà della pratica quotidiana. Non è un peccato, ma allora stona la pretesa di fare un discorso politico ed essere ascoltato dal Palazzo.

QUESTIONE DI SFORTUNA
La coincidenza temporale tra il pistolotto di Bassetti e la mancata strage degli innocenti in nome dell’ accoglienza non è questione di sfortuna. Testimonia la distanza tra la propaganda migratoria della Chiesa e la realtà. Per amore degli ultimi, talvolta gli alti vertici sembrano disprezzare, o quantomeno trascurare i penultimi, ovverosia quelli che sostengono i populisti, ma così fanno più male che bene.

Non mi addentro nella polemica pastorale, che non è di mia competenza, ma in quella politica sì. Senza nominarlo, il presidente della Cei accusa Salvini di «alimentare in modo irresponsabile la paura, fino a generare rigurgiti xenofobi». Ma è vero il contrario. La paura dello straniero è esplosa quando al governo c’ era la sinistra, che predicava l’ accoglienza indiscriminata, mostrava di non aver alcuna capacità di gestire l’ ondata migratoria, si batteva per lo ius soli e sosteneva che gli immigrati sono solo risorse, quindi in definitiva sono più bravi di noi. Da quando c’ è il nuovo governo, la gente si sente più sicura, condivide la politica migratoria del Paese e gli episodi xenofobi sono diminuiti.

Bassetti rimprovera ai sovranisti di «accarezzare il popolo con gli slogan senza fornire risposte concrete». Però non si propone neppure di offrire ricette per risolvere le difficoltà dell’ integrazione e non accenna «all’ accoglienza prudente» auspicata da Papa Francesco. Cita il Vangelo, afferma che «odiare l’ immigrato è immorale per un cattolico», e fin qui siamo d’ accordo, ma non sa neppure lui come quadrare il cerchio. Se un miliardo di africani vuole sbarcare, l’ Europa se ne frega e l’ Italia non ha i soldi neppure per far vivere dignitosamente tutti i propri cittadini, come si fa ad accogliere chicchessia? Mistero della fede, è la risposta implicita dell’ eminenza ecclesiastica, che non considera che l’ italiano vive anche di pane.

CHI SPARGE ODIO?
Silenzio anche sul ruolo pratico della Chiesa, sul suo aiuto per gestire il fenomeno in Italia e sulle sue attività in Africa, magari per creare condizioni di vita sostenibile che non spingano le persone a emigrare. In compenso, il prelato lancia un piccolo manifesto politico: il governo dovrebbe stare più vicino alle giovani coppie, curare di più la scuola e promuovere un’ organizzazione del lavoro che combaci con le esigenze della famiglia.

Siamo d’accordo, eminenza, si ricordi di scriverlo nella sua lettera a Gesù Bambino il prossimo Natale. Nel frattempo ci conceda un’ultima polemica: se quando su un qualsiasi muro del Paese appare una scritta razzista gli antisovranisti incriminano Salvini, possiamo noi prendercela con i medesimi se un pazzo immigrato minaccia una strage sostenendo che così vuole vendicare i morti in mare? Perché il folle imputa i naufragi al ministro dell’ Interno se da che c’è lui le vittime sono diminuite? Chi ha messo in giro le balle che hanno alimentato

l’ odio del senegalese?

Fonte:rassegneitalia.info

Ultima modifica ilLunedì, 01 Aprile 2019 20:35

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.