BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
PAPA FRANCESCO RICORDA I CRISTIANI SGOZZATI DALL'ISIS: -SONO MORTI PREGANDO-: Redazione- L'immagine diventata il simbolo di tutti i cristiani uccisi dai terroristi islamici, e cioè quella dei venti copti egiziani vestiti di arancione (come le tute usate a Guantanamo) e in ginocchio con lo sguardo rivolto verso Roma, sgozzati dall'Isis ROMA, LI ZI: FRAMMENTI E CONNESSIONI: Redazione- Nuova stagione espositiva negli spazi di VISIONAREA, la rassegna di arte contemporanea internazionale realizzata con il fondamentale sostegno della Fondazione Cultura e Arte, ente strumentale della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, presieduta dal Prof. Avv. Emmanuele F.M. Emanuele. Il POLO MUSEALE DELLA CALABRIA: GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO 2019: Redazione- Il Polo museale della Calabria, diretto dalla dottoressa Antonella Cucciniello, aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP) 2019 che si terranno su tutto il territorio nazionale sabato 21 e domenica 22 settembre 2019. Il tema scelto per questa edizione NECROPOLI CON OLTRE VENTI TOMBE RISALENTE A 2900 ANNI FA SCOPERTA A CARSOLI: Redazione- Spuntano in un immenso cantiere a Carsoli reperti archeologici risalenti al 3/o secolo A.C., opere moderne destinate alla mitigazione del dissesto idrogeologico. A fare il punto è la d.ssa Amalia Faustoferri, della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio dell'Abruzzo, ROMA, DARDUST -LOST IN SPACE-: PIANO SOLO 2019: Redazione- Dopo la straordinaria partecipazione al Jova Beach Party, Dardust è pronto per il suo prossimo appuntamento live in piano solo, il 6 ottobre 2019 all’Auditorium Parco della Musica di Roma.Dardust, Dario Faini all’anagrafe, con più di 500k ascoltatori mensili, LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA ATANOR APRE LE PORTE AI FUTURI ALLIEVI: ECCO COME ISCRIVERSI E ACCEDERE AL BANDO: Redazione- Conoscere alcune delle principali metodologie e tecniche utilizzate nel modello della scuola, esplorare direttamente gli aspetti tecnici mediante l’attività pratica, illustrare da vicino la natura del modello analitico - archetipico, sono solo alcuni degli obiettivi che la Scuola di AD ENEA, PER GLI STUDI SUL -VERTICAL FARM-, LA IV EDIZIONE DEL PREMIO NAZIONALE ALBA: CONSEGNA A L’AQUILA IL 20 SETTEMBRE 2019, DURANTE UN CONVEGNO SUI TEMI AMBIENTALI E ALIMENTARI, PALAZZO FIBBIONI, A PARTIRE DALLE ORE 10 Redazione- Sarà ENEA ad aggiudicarsi la IV edizione del premio il prossimo 20 settembre a L’Aquila, a Palazzo Fibbioni, PREMIO MASSIMO TROISI 2019: Redazione- Il premio Massimo Troisi 2019 ad Emanuela Del Zompo, Juan Diego Puerta Lopez, Maria Gaia Pensieri.Nella splendida cornice del concorso Miss Grand Italia, Antonio Parciasepe, direttore del Troisi Festival consegna i premi e a 25 anni dalla scomparsa del NOVITA' DISCOGRAFICHE IN OTTOBRE PER LONG DIGITAL PLAYING CON MUSICHE DEL CUORE, DELLA MENTE E DEL COSMO: Redazione- Autunno caldo con le nuove proposte discografiche di LONG DIGITAL PLAYING SRLS (la casa editrice musicale milanese fondata lo scorso anno da Luca Bonaffini & friends). Il 30 settembre apre Roberto Padovan con un suo album di musica new FLORIANA MESSINA DEDICA UNO SHOOTING FOTOGRAFICO AL NAPOLI: LE FOTO MOZZAFIATO FANNO SOGNARE TIFOSI E CALCIATORI, COMPRESI QUELLI DEL LIVERPOOL: Intanto il popolo della rete la elegge come nuova madrina del Napoli Redazione-  C’è grande fermento nel napoletano per la partita di esordio del Napoli in Champions: la squadra di Ancelotti affronterà  in casa il Liverpool, squadra di sovente avversaria della formazione

SALVATAGGI UMANITARI: LE ONG VENGONO AVVISATE DAI TRAFFICANTI QUANDO PARTONO I BARCONI

Migranti Migranti

Redazione-Altro che salvataggi umanitari di poveri profughi in fuga dalla guerra: “Trafficanti avvisano le Ong quando partono i barconi”. Un’inchiesta de Il Giornale mostra le prove.Prima la nave della Ong spagnola Proactiva Open Arms va a recuperare i migranti in mare a colpo sicuro avvisati della loro partenza e posizione. Poi non rispetta l’ordine del centro di soccorso di Roma di allontanarsi perchè il «comando della scena» del salvataggio spetta alle motovedette libiche, che avrebbero riportato tutti indietro.E gli «umanitari» pure protestano spacciandosi per vittime se i libici cercano di fermarli. Alla fine il governo italiano, che all’inizio non voleva far sbarcare i migranti, cala le brache e permette l’attracco.«Il Giornale» ha ricostruito l’ennesima battaglia navale fra la Ong Open arms e le motovedette libiche di giovedì al largo della Libia.Al mattino presto tre barconi partono dall’area costiera di Qoms ad est di Tripoli. Nessuno manda una richiesta di aiuto all’Imrcc, il comando di Roma, che coordina le operazioni di salvataggio. Un elicottero italiano sorvola i barconi intercettandoli ad una quarantina di miglia dalla costa. La nave di Open arms con i suoi gommoni veloci, guarda caso si stava dirigendo proprio verso i gommoni in mezzo al mare, come se fosse stato organizzato un appuntamento. «Ci sono contatti e comunicazioni fra le Ong in mare ed i trafficanti, che avvisano quando partono i barconi. Talvolta posiziono le motovedette a 5 miglia dalle navi delle organizzazioni umanitarie e come per magia arrivano i migranti» spiega al «Giornale» da Tripoli, Abujela Abedlbari, il comandante della squadra navale libica rimessa in piedi dall’Italia. Grazie al centro di coordinamento libico con la Marina italiana viene fatta partire la motovedetta Gamines. I libici spediscono il primo fax al comando di Roma, in possesso del «Giornale», per assumere «il comando della scena» di salvataggio. Il comandante scrive a mano «per favore dite ad Open arms di rimanere fuori dalla vista» dei migranti, che altrimenti si gettano in mare per raggiungere gli umanitari. La motovedetta raggiunge il primo barcone, ma l’Ong è già presente sul posto. Allora punta sul secondo e riesce a recuperare 120 migranti senza incidenti. Alle 16.15 i libici fanno partire una seconda motovedetta, la Ras Jadir, «su segnalazione della guardia costiera italiana» ed inviano un’altra comunicazione scritta all’Imrcc a Roma che conferma il ruolo di «comando sulla scena» del soccorso. Il centro dei soccorsi italiano chiede ad Open Arms di allontanarsi, ma la Ong se ne frega, nonostante abbia firmato il codice di condotta del Viminale impegnandosi «a non ostacolare la guardia costiera libica». Quando la seconda motovedetta arriva sul posto la nave umanitaria ha già lanciato i gommoni veloci per non mollare la preda. «È sempre la stessa storia, ma se le Ong continueranno a comportarsi così il flusso migratorio verso l’Italia non si fermerà mai» sottolinea il comandante Abujela. In mezzo la mare i libici minacciano di usare le armi se gli umanitari non abbandonano l’area, ma non sparano un solo colpo. Oscar Camps, il capo dell’operazione, twitta: «La guardia costiera libica ci minaccia di sparare per uccidere se non consegnamo loro le donne e i bambini che abbiamo salvato».La situazione è tesa. «I migranti sul barcone ci gettavano contro quello che avevano ed un gruppo si è tuffato in mare perchè volevano farsi recuperare dalla Ong per andare in Italia – racconta il comandante da Tripoli – Non è vero che li abbiamo messi noi in pericolo. Anzi, per evitare tragedie ho dato l’ordine di ritirarci». Alcuni migranti sarebbero anche stati fatti salire a bordo dei gommoni di Open Arms dagli stessi libici. La grancassa della disinformazione umanitaria ha già mobilitato altre Ong sui social, l’Arci e del senatore Luigi Manconi che denuncia il «gravissimo atto intimidatorio,

al limite della pirateria» dei libici.

Fonte:riscattonazionale.net

Ultima modifica ilGiovedì, 22 Marzo 2018 19:35

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.