BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CON IL PASSAGGIO DEL MARTELLETTO CAMBIO DI PRESIDENZA AL SOROPTIMIST CLUB DELL'AQUILA: Redazione- Ieri sera 13 novembre, presso il ristorante lo Scalco, si è svolta la cerimonia del “passaggio del martelletto” con l’investitura a nuova presidente del Soroptimist Club L’Aquila di Francesca Pompa, imprenditrice aquilana nel campo della comunicazione, editoria e formazione. ABOLIZIONE DEL REATO DI CLANDESTINITA' E LEGALIZZAZIONE PER 500MILA IRREGOLARI: ECCO LA LEGGE -VOLUTA- DA GEORGE SOROS: Redazione- 258.941,63 euro: è l'ammontare del contributo dell'Open Society Foundations, la rete filantropica fondata dal finanziere George Soros, a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare lanciata dai Radicali e chiamata Ero Straniero - l'umanità che fa bene.Scopo della ILLUSTRI PREMIATI ALLA XXXVIII EDIZIONE DEL PREMIO EUROPEO CAPO CIRCEO E OSPITE D’ONORE RINO BARILLARI: Redazione- Si è svolta giovedì 7 novembre la cerimonia di premiazione dell’elitario Premio Europeo Capo Circeo, conferito a personalità che si sono distinte con elevato prestigio nei diversi campi delle attività culturali e artistiche, diplomatiche e delle relazioni internazionali, imprenditoriali, del CENTO STUDIOSI ALL'ATTACCO DI PAPA FRANCESCO: -DA LUI ATTI SACRILEGHI E SUPERSTIZIOSI-: Redazione- “Il 7 ottobre, l’idolo della Pachamama è stato posto di fronte all’altare maggiore di San Pietro e poi portato in processione nella Sala del Sinodo. Papa Francesco ha recitato preghiere durante una cerimonia che ha coinvolto questa immagine e CAMPIONATO NAZIONALE DI PASTICCERIA DEGLI ISTITUTI ALBERGHIERI D'ITALIA: Redazione- La FIPGC in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione e l’Istituto Superiore “A. Tilgher” di Ercolano (NA) organizza il terzo Campionato Nazionale di  Pasticceria degli Istituti Alberghieri d’Italia, che si svolgerà il 19, 20 e 21 novembre 2019 presso la sede del succitato istituto.“Queste manifestazioni rappresentano ENNIO COLTORTI IN: BUSCETTA, SANTO O BOSS?: Redazione- Dopo il debutto del 2018, che ha registrato il tutto esaurito per quasi 5 settimane di repliche, Buscetta, Santo o Boss? di Vittorio Cielo diretto e interpretato da Ennio Coltorti, con Matteo Fasanella e le musiche di Nicola Alesini, IL POLO MUSEALE DELLA CALABRIA A PAESTUM: Redazione- Giovedì 14 e venerdì 15 novembre 2019 il Polo museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Antonella Cucciniello, sarà protagonista alla XXII Edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico. Sono, infatti, previste nella prestigiosa rassegna le seguenti iniziative che vedranno IL PRETE NO GLOBAL ALEX ZANOTELLI SUGLI EROI CADUTI A NASSIRIYA: -NON SONO MARTIRI, ERANO LI' PER IL PETROLIO: Redazione- Un delirio che offende la memoria dei nostri soldati morti, quello del prete no global Alex Zanotelli. «L’Iraq è davvero una grande patata bollente… Ma la presenza militare italiana non deve più esserci. Non possiamo più stare in un IN SPAGNA SI AFFERMA LA DESTRA VOX COME REAZIONE AL LAICISMO IMPERANTE: Redazione- La Spagna ha votato per la quarta volta in quattro anni. I Socialisti di Sanchez perdono ancora terreno e non potranno formare un governo di minoranza. Perdono anche Ciudadanos (liberali) e Podemos (estrema sinistra), mentre crescono lievemente i Popolari. Ma ROMA, A TOR PIGNATTARA LA GALLERIA D'ARTE URBANA A CIELO APERTO, TRA LE CAMPANE DELLA RACCOLTA DEL VETRO: Redazione- Roma museo a cielo aperto, per le sue bellezze storiche, certamente, ma anche, sempre di più, per le incursioni di street art che offre ad appassionati del genere e non solo, sempre in cerca di nuovi, originali, divertenti, rivoluzionari

ROGOREDO, PARLA COSIMO MEROLLA, AMICO DI FABRIZIO CORONA: -CHI HA RISCHIATO DI RIMETTERCI LE PENNE SONO IO-

Cosimo e Fabrizio Cosimo e Fabrizio

rischiato di rimetterci le penne sono io”
L’imprenditore napoletano e l’ex fotografo dei vip erano sul posto per girare un documentario


Redazione- Cosimo Merolla, imprenditore napoletano, socio in affari ma soprattutto amico di Corona, fa luce su quanto è realmente accaduto nel bosco di Rogoredo ove lui e Fabrizio si sono più volte recati per girare un servizio su questa piazza di spaccio. “Io e Fabrizio siamo stati due volte a Rogoredo – racconta Cosimo - . La seconda volta mi sono offerto volontario per addentrarmi nel bosco al fine di riprendere ed intervistare chi purtroppo ivi si droga. Sono stato aggredito da tre pusher. Sono riuscito a scappare e, una volta uscito da quel posto infernale, sono corso incontro ai Carabinieri. Alla fine mi sono beccato una denuncia perché impugnavo un’arma (non mia) che ero riuscito a sottrarre a uno degli spacciatori in fase di colluttazione”. “Ora parlo io, visto che le indagini sono giunte finalmente al termine – continua Cosimo -: si è tanto parlato dell’aggressione subita dal mio amico Fabrizio quando ci siamo recati la prima volta a Rogoredo, ma su quello che mi è accaduto – chissà perché – non si è detto nulla a mio favore: i giornali e le televisioni hanno parlato della denuncia, delle indagini in corso che mi riguardavano, del fatto che sarei un imprenditore in cerca di visibilità per il mio marchio (non è mica colpa mia se nell’ambiente dello spettacolo tutti mi identificano come “Cosimo Livello Alto”, o se i miei amici indossano gli abiti che confeziono). Chi ha rischiato di rimetterci le penne sono io: da ragazzo di Secondigliano (ci tengo a precisare incensurato) mi sono immedesimato nella causa e mi sono offerto per registrare immagini e raccogliere interviste all’interno del boschetto, visto che quella realtà – purtroppo – somiglia molto a quella del quartiere dove sono nato, cresciuto e attualmente vivo, realtà che nel mio piccolo cerco di contrastare perché penso che la gente di Secondigliano come quella di Rogoredo meriti di essere considerata di livello alto”. “Come mai “Non è l’arena”, il programma condotto da Massimo Giletti, e tutti i giornali che hanno parlato dell’aggressione subita da ‘Corona’ non hanno parlato anche del rischio che ho corso io? – conclude Cosimo –Fabrizio ha preso le distanze da me solo quando i Carabinieri mi hanno portato in caserma dopo l’accaduto, per ovvi motivi legati alla misura alternativa al carcere cui era sottoposto: dopo qualche ora ha pubblicamente dichiarato attraverso una story che ha condiviso su Instagram di essere mio amico… Poi tutto è finito nel dimenticatoio perché lui è tornato in galera. E io me la sono dovuto cavare da solo,

con i media e con la legge!”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.